Cosa ci insegna la drammatica vicenda del calciatore danese Eriksen?

Cosa ci insegna la drammatica vicenda del calciatore danese Eriksen?

Pollice in alto, sorriso e sguardo di chi ha lottato contro la morte. Si presenta così il fuoriclasse danese Christian Eriksen con un post sui social. Il centrocampista, colpito da un malore durante la sfida contro la Finlandia di Euro2020, è stato soccorso dal proprio capitano Simon Kjaer che con una tempestiva manovra ha agevolato il lavoro dello staff medico. L’episodio ha palesato l’esigenza di introdurre corsi di formazione di primo soccorso nelle scuole, tra i calciatori professionisti “ma anche provando ad allargare questa iniziativa alla sfera dilettantistica”, annuncia il Presidente della FIGC (Federazione Italiana Gioco Calcio) Gabriele Gravina. La stessa AIC (Associazione Italiana Calciatori) accoglie con entusiasmo la proposta della federazione e ricorda con una nota che già in occasione della morte in campo del giocatore Piermario Morosini nel Maggio 2013 fu organizzato il primo corso di pronto soccorso per calciatori professionisti.

Le nuove linee guida europee hanno adeguato le procedure di rianimazione cardiopolmonare alle criticità legate al COVID19. Niccolò B.Grieco, direttore di corsi presso il centro di formazione Critical Care Niguarda e membro dell’Italian resuscitation coucil, da anni si impegna nella formazione del personale del dipartimento cardio-toraco-vascolare dell’Ospedale Niguarda di Milano e sostiene che “sono più di 65.000 i casi di arresto cardiaco che avvengono ogni anno in Italia e solo una minima parte avviene in reparti attrezzati per affrontare il problema. È fondamentale che vengano coinvolti nel soccorso tutti i soggetti della catena della sopravvivenza, dal testimone occasionale di un malore fino al rianimatore più esperto nel trattamento della sindrome post arresto cardiaco”. La legge 107/2015 comma 10 dell’articolo 1 ha comunque previsto che nelle scuole si realizzino corsi per la promozione e formazione del primo soccorso con la collaborazione del 118 territoriale del servizio sanitario nazionale. Occorre dare un contenuto più pragmatico e definitivamente attuativo a quanto sancito dall’articolo sopra citato. Auspico un decisivo decollo dei percorsi di formazione delle manovre salvavita del primo soccorso a partire dalla formazione scolastica, sportiva professionistica, dilettantistica e amatoriale.

Carlo Scontus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *